Roy Parsifal, il Von Trier italiano


  • Appassionato cantore degli affetti familiari, il regista Roy Parsifal completa, con questo Cara, dolce mammina, la trilogia aperta da La lezione di mamma e proseguita con Madri e figli. Se il primo film seguiva i canoni della commedia brillante e il secondo era un cupo melodramma sull’alcolismo, il capitolo finale del trittico cerca di saldare i due stili, mettendo in scena la gelosia di una madre tradita dal consorte ma capace di rivalersi con la complicità del figliolo. Le luci livide e naturali del set, l’assenza di commento musicale, il sonoro in presa diretta, l’uso della camera a mano rimandano chiaramente al dogma di Lars Von Trier, così come il tema dell’incesto è trattato in maniera cruda e diretta, senza gli insopportabili compiacimenti estetizzanti che hanno caratterizzato alcune opere di Bertolucci e di Carax. Qualcuno noterà che il figlio ha più o meno la stessa età della madre, ma nei territori del pornazzo il realismo cede il passo alla sospensione dell’incredulità, l’hardcore si sublima nel simbolismo, la diegesi dell’opera metabolizza gli stilemi del fabliau medievale, l’autore del post si masturba perché pensa che nemmeno Eco scrive così.


    18 dicembre 2008

    Commenti

    Tag:,

Commenti

  • Gennaro 48 il 19-12-2008 alle 01:00

    Di menna ce n'è più di una.

  • Gianni il 19-12-2008 alle 01:06

    Cirù, ciò rientra nella categoria della videoteca o della schifoteca?

  • Ajax il 19-12-2008 alle 11:47

    Lei è molto brava, vista in un dietro le quinte che, secondo me, sono le perle a corollario dell'esperienza visiva dei film di coso li… roy qualcosa :=))))

  • cuozzo fritto il 19-12-2008 alle 17:37

    Lei è molto arrapata, e ci rimedia anche qualche euro.

  • Eraserhead il 20-12-2008 alle 02:39

    La nasca di lei è davvero notevole.

  • Anonymous il 24-12-2008 alle 10:21

    dove lo trovo il resto?mi garba assai