Il metaporno di Cicciolina


  • Appena eletta parlamentare nel Partito Radicale, Ilona Staller in arte Cicciolina confermò la sua natura di artista problematica e colta girando Ho scopato un’aliena, per la regia del suo pigmalione Riccardo Schicchi. Il lavoro è molto complesso, ostico e spiazzante: nella scena iniziale (che non possiamo mostrarvi qui per questioni di opinabilità) Cicciolina è la regina di un lontano pianeta del tutto identico alla Terra, ma popolato di uomini privi di quelle protuberanze che garantiscono la continuazione della specie. Intorno a lei, Gabriel Pontello e Rocco Siffredi sono completamente svestiti ma nascondo la propria virilità nelle pieghe delle gambe, come faceva Jame “Buffalo Bill” Gumb in una delle scene più disturbanti del Silenzio degli Innocenti. Solo che il film di Jonathan Demme è del 1991, quello di Cicciolina è del 1987, e poi vedere Siffredi e Pontello nudi e senza cacchio ci sconvolge ancora di più. Possiamo invece mostrarvi la scena in cui la Cicciolina extraterrestre si sostituisce alla Cicciolina terrestre, dopo aver pronunciato la formula “Ciribiribin Cazzo!“. Non mancano i riferimenti alla carriera politica della Staller, nè una citazione da Francis Ford Coppola, con Ilona sdraiata sull’armadio come Diane Lane nella sequenza onirica di Rumble Fish. Un metaporno coi fiocchi.


Commenti

  • Saamaya il 04-06-2010 alle 19:50

    Chiedo l'indennizzo: sul mio pc risultano tutti vestiti!!!!e che storia è questa?!

  • meemmow il 04-06-2010 alle 21:02

    "Tanta voglia di protuberanza" mi sa di b-side dei Pooh.

  • Anonymous il 04-06-2010 alle 21:26

    Picarra e Ficozza

  • the user il 06-06-2010 alle 02:41

    Viene prima il film o il celebre spot del "ciripiripì"? La formula è simile, e in entrambi i casi si tratta di alieni…

  • Anonymous il 06-06-2010 alle 12:30

    Sarà simile ma è una formula del cazzo!